Marche tra mare, cultura e natura!

Quest’anno i nostri viaggi sono stati tutti in Italia ma non per questo si sono rivelati meno interessanti.

Oggi vi racconto la nostra vacanza nella provincia di Fermo.

Conoscevo questa zona solo per il mare invece ci sono molte cose da vedere anche a livello artistico, culturale e naturalistico. Punto di partenza della nostra vacanza è stato un villaggio camping situato a Marina Palmense, una piccola frazione che si trova direttamente sul mare, a circa tre km da Porto San Giorgio.

La zona è piena di villaggi turistici e camping ed è molto tranquilla, adatta soprattutto a famiglie. La spiaggia è prevalentemente di sabbia e ghiaia e il mare è basso per molti metri con un fondale sabbioso.

Come arrivare

In treno

La Stazione Ferroviaria Porto S. Giorgio – Fermo è al centro della cittadina e vi fermano i treni di Trenitalia delle linee regionali e regionali veloci. La fermata dei bus più vicina alla stazione è Porto S.Giorgio – Bar Italia e si trova a soli 282 metri di distanza a piedi, ci si arriva in 5 minuti di cammino.

Trenitalia ha anche realizzato Fermo Link, una  soluzione di viaggio treno + bus di Trenitalia e TRANSFER che accompagna i viaggiatori da Porto San Giorgio a Fermo. Per usufruire del servizio Fermo Link si può acquistare un titolo di viaggio Trenitalia di corsa semplice + bus combinato, Per maggiori info sui bus potete consultare il sito ufficiale della compagnia.

In auto

Da Nord e da Sud:

Prendere l’autostrada A14 (da nord in direzione di Ancona e da sud in direzione di Napoli), uscire a Fermo/Porto San Giorgio, continuare sulla SS 16 in direzione Porto San Giorgio.

Dal Centro:

Se partite dall’Abruzzo vi conviene prendere l’A24 poi uscire a Fermo – Porto San Giorgio e prendere la strada statale 16, Porto San Giorgio, direzione Fermo.

Se partite dal Lazio  potete prendere o l’A24 oppure, se siete nella parte Nord e volte anche risparmiare sui costi del pedaggio,  potete prendere l’A1 uscire ad Orte poi proseguire per Spoleto;  prendere A14 fino a Fermo uscire a Fermo/Porto San Giorgio, continuare sulla SS 16 in direzione Porto San Giorgio.

In autobus

Ci sono dei bus che partono dalle principali città italiane. Potete prendere o il Flixbus oppure le autolinee di zona come la Start . Le tariffe variano a seconda del periodo e del punto di partenza. Trovate maggiori info sui siti ufficiali delle compagnie.

In aereo

L’ Aeroporto più vicino è il “Raffaello Sanzio” di Falconara Marittima (AN) a circa 60 km.  in alternativa c’è l’ Aeroporto di Pescara situato a 89 km.  L’aeroporto è ubicato a circa 3 km dal centro di Pescara. Inoltre dagli aeroporti di Roma ci sono le linee di autobus Cardinali, Start Autolinee e Flixbus che li collegano con la regione Marche.

Cosa vedere

Porto San Giorgio

E’ una cittadina molto carina, pulita e curata. Sul lungomare ci sono numerosi chalet con stabilimenti balneari che la sera diventano ristoranti o bar! Qui abbiamo fatto delle piacevoli passeggiate. In alcuni giorni la sera c’era un mercatino dove abbiamo trovato anche dei prodotti artigianali.

Porto San Giorgio

Il centro storico, chiamato anche Castello, ci ha lasciate davvero incantate. La fontana della Democrazia è un’opera bellissima.

Proseguendo abbiamo visitato la chiesa di San Giorgio in stile neoclassico e la Torre dell’orologio. Siamo poi salite per vedere la Rocca Tiepolo risalente al 1267. La Rocca è di forma pentagonale e ad ogni angolo presenta una torre. Era una fortezza di ben 1000 metri quadrati che, grazie alla sua posizione strategica, permetteva di controllare il porto e tutto il litorale. In estate all’aperto vi si svolgono importanti manifestazioni culturali e piece teatrali.

Villa Bonaparte

Costruita su ordine del fratello di Napoleone, Girolamo Bonaparte, che visse a Porto San Giorgio dal 1829 al 1832. E’ realizzata in stile neoclassico  e fu dedicata alla sorella Caterina dal Bonaparte. Nel 1831 in seguito a contrasti politici con  il Re di Napoli,  fu confiscata e pochi anni dopo venduta ad una  famiglia nobile i Pelagallo, dopo essere stata adibita a Camera Apostolica. Le stanze della villa hanno dei bellissimi affreschi, un pavimento con decorazioni a mosaico ed arredate con mobilio in stile impero. Attorno alla villa vi è un vasto parco.

Oggi è adibita principalmente a location per cerimonie.

Di questa cittadina mi sono piaciuti molto anche i numerosi edifici in stile Liberty che si trovano soprattutto nella zona del lungomare e che la rendono molto elegante!

Torre Palme

Si tratta di un antico borgo annoverato tra i più belli d’Italia.

Siamo rimaste piacevolmente colpite dalla bellezza di questo posto. Si trova a 100 metri dal livello del mare arroccato su una collina! Il paese è interdetto alle auto. Noi abbiamo parcheggiato all’entrata gratuitamente. In alternativa, si possono prendere i bus che partono dalle zone balneari limitrofe.

Torre Palme

Entrando nel borgo ci è sembrato di tornare indietro nel tempo. Gli edifici sono tutti accuratamente ristrutturati ma mantengono lo stile di un tempo. Vi consiglio di arrivare prima di cena per godervi un’intera serata in questo posto magnifico ma se volete cenare i uno dei ristoranti del posto vi consiglio di prenotare in anticipo. Uno dei ristoranti più gettonati della zona, forse anche perché si può mangiare godendo di una magnifica vista sul mare, è Lu Fucarò. Non so dirvi come si magia perché quando siamo andate era tutto occupato ma le recensioni mi sembrano molto buone.

Se amate i mercati vi suggerisco di andare a Torre Palme il martedì perché si svolge un mercatino dell’artigianato dove potrete acquistare anche prodotti tipici della zona. Al paese si accede dalla piazza centrale, in questo periodo di emergenza Covid – 19 abbiamo dovuto seguire un percorso obbligato!

La chiesa di Sant’Agostino

Il percorso inizia con la visita alla chiesa di sant’Agostino. E’ un edificio in stile gotico. Al suo interno abbiamo visto uno splendido sarcofago longobardo, il polittico di Vittore Cribelli, una tavola di Vincenzo Pagani e anche una reliquia della croce.

Chiesa di Sant’Agostino

Chiesa di Santa Maria a Mare

Proseguendo il percorso abbiamo incontrato questa magnifica chiesa. Costruita tra il XII ed il XIII secolo presenta all’interno uno stile neoclassico con degli affreschi della scuola dei Sanlimbeni e di Giotto.

Proprio difronte alla chiesa si trova l’oratorio di San Rocco risalente al XII secolo.

Chiesa di Santa Maria a Mare
Chiesa di Santa Maria a Mare

Terrazza di piazza Lattanzi

Poco più avanti il nostro sguardo è stata rapito dalla splendida vista che si gode da questa favolosa terrazza. Vi assicuro che il panorama è meraviglioso, si vede il mare e tutta la zona balneare.

Terrazza di piazza Lattanzi - Marche tra mare e cultura
Terrazza di piazza Lattanzi – Marche tra mare e cultura

Bosco del Cugnolo

Abbiamo dedicato una giornata a questa magnifica escursione che ci ha permesso di vedere un raro esempio di macchia mediterranea ancora integra. Oltre alla flora, abbiamo avvistato anche vari tipi di fauna selvatica. Il percorso è lungo 2 km ed è facilitato da staccionate. L’escursione si può tranquillamente fare anche con i bambini.

Bosco del Cugnolo - Marche tra mare e cultura
Bosco del Cugnolo – Marche tra mare e cultura

All’interno del percorso abbiamo visto la Grotta degli Amanti.

Grotta degli amanti - Marche tra mare e cultura
Grotta degli amanti – Marche tra mare e cultura

La nostra guida ci ha raccontato la triste leggenda da cui prende il nome questa grotta. Si narra che due giovani di Torre Palme, Antonio, soldato e Luariana giovane contadina analfabeta, si innamorarono perdutamente. Purtroppo Antonio dovette partire per il fronte. I due si rividero in occasione di una licenza del soldato e, pur di restare insieme, decisero di scappare e nascondersi nella piccola grotta scavata nella falesia sulla quale si trova il bosco del Cugnolo. La fuga dei due amanti durò solo pochi giorni e alla fine i due ragazzi decisero di uccidersi gettandosi nel fosso del Lupo. La ragazza morì sul colpo mentre il giovane disertore si salvò ma morì pochi giorni dopo per le ferite riportate.

Il percorso si chiude con la Villa degli Aranci. Si tratta di una bellissima costruzione risalente al Seicento che prende il nome proprio dagli aranci presenti nel terreno circostante.

Dove dormire

Abbiamo soggiornato al camping Paradiso di Marina Palmense!

La struttura si trova direttamente sul mare ed è gestita come un villaggio turistico. C’è un’animazione molto soft con sport in spiaggia, spettacoli serali e mini club per bambini.

camping Paradiso
camping Paradiso

Offre delle Mobilhome, dei Bungalow in legno di diverse tipologie, semplici ma provvisti di tutto il necessario per una vacanza all’insegna del relax e piazzole per campeggiare!

All’interno del camping è presente un minimarket abbastanza fornito e con prezzi molto accessibili, un ristorante dove vi consiglio di mangiare perchè cucinano benissimo a prezzi davvero competitivi. E’ previsto anche il servizio da asporto. Vi suggerisco di assaggiare la pizza e la frittura di pesce fresco!

C’è anche una piscina e un piccolo parco giochi per bambini!

Unica pecca è che gli ombrelloni, in spiaggia, sono posti su due livelli e, se si è al livello superiore, come è capitato a noi, per raggiungere il mare si devono scendere alcuni gradini!

Camping Paradiso
Camping Paradiso

Punto forte del camping è sicuramente la disponibilità e la cortesia del personale e l’ottimo rapporto qualità prezzo!

Vi abbiamo fatto venire voglia di visitare questa zona? Fatecelo sapere nei commenti!!!!

Leggete anche gli altri nostri viaggi!

Seguiteci su Instagram!!

Lucysp

4 pensieri su “Marche tra mare, cultura e natura!

  1. Un viaggio all’insegna della tranquillità e della cultura vedo! Le Marche si prestano tantissimo se si vuole optare su viaggi del genere e direi che avete fatto bene ad anadre qui! Che dire poi della Grotta degli amanti? Già mi ispira!

Rispondi

Torna in alto
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: