Lucania

Categories:

La Basilicata è una regione tutta da scoprire, adatta sia se volete fare una vacanza attiva sia se amate immergevi nella natura incontaminata e vedere le bellezze artistiche.

Vi racconto la mia esperienza fatta grazie all’Educational Tour “Lucania, natura e cultura” organizzato da Carmelina dell’Agenzia Marmo Melandro Viaggi e da Francesca dei Viaggi del Milione che ringrazio molto perché mi hanno permesso di vedere questa magnifica zona e di godere dell’ospitalità degli abitanti di questa terra magica.

Ho alloggiato all’hotel Bouganville che è stata la base di partenza per tutto il tour. Si tratta di un resort a 4 stelle immerso nella natura ma molto moderno e funzionale che offre dei servizi di altissima qualità. Al suo interno è presente anche una piscina e la SPA.

Primo Giorno – Picerno e dintorni

Si trova a circa 25 km da Potenza. Il modo migliore per visitarla è sicuramente la macchina ma è facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici grazie alla presenza della stazione FS e di numerosi bus.

Come prima tappa vi consiglio di visitare la chiesa del SS. Salvatore che si trova sulle pendici dei monti Li Foj ad un’altezza di circa 1000 metri. E’ stata eretta nel XII secolo ad opera di monaci Benedettini su delle grotte che si narra conducessero direttamente in paese. La vista che si gode da quassù è spettacolare.

Dirigetevi poi verso il bosco di Monte Li Foj, una vera e proprio oasi naturalistica attrezzata anche con tavoli e barbecue per cui, se il tempo permette, vi consiglio di pranzarci e rilassarvi.

La sera potrete fare un giro per le vie del centro storico e gustarvi una bella pizza presso il Plebiscito Café.

Secondo giorno – Balvano, cascate del Tuorno e Savoia di Lucania

Balvano è un piccolo comune e si trova a circa 15 km da Picerno. Per prima cosa vi consiglio di fare un giro nel centro storico dove potrete visitare il comune, all’interno del quale troverete anche una bella mostra fotografica sul paese e sui tragici giorni del terremoto che nel 1980 lo distrusse.

Proseguite poi alla volta del convento di Sant’Antonio da Padova.

Partendo dal centro del paese potrete fare un trekking delle Gole del Platano di circa 3 km adatto a tutti. Passerete per un sentiero attrezzato dove si trova anche un ponte tibetano fino a raggiungere la galleria delle Armi nota per un disastro ferroviario avvenuto nel marzo del 1944.

Se volete vivere un’esperienza di totale relax nella natura vi consiglio di soggiornare presso la Sosta di Annibale una casa vacanze davvero perfetta, lontana dal caos e ottimo punto di partenza per le escursioni della zona.

Prendete l’auto e proseguite verso Savoia di Lucania dove non dovete perdervi le cascate del Tuorno. Immerse in un contesto naturalistico senza eguali! Sono certa che ne rimarrete estasiati. Il percorso è abbastanza agevole nel primo tratto, meno per arrivare alle cascate. Fate poi un giro veloce per il paese dove sono presenti numerosi murales.

Terzo giorno – Castelmezzano, Pietra Pertosa e il volo dell’angelo

Volo dell’angelo – dolomiti Lucane – Basilicata in 5 giorni

Qui potrete visitare questi due splendidi borghi incastonati tra le dolomiti Lucane ma anche fare sentieri di trekking come ad esempio quello delle sette pietre o provare l’ebbrezza di volare facendo il volo dell’angelo. Vi dico subito che questa non è un’esperienza per tutti ma solo per i più coraggiosi. Si tratta di un volo lungo circa 3 km da Castelmezzano a Pietra Pertosa e ritorno, ad un’altezza di 400 metri scivolando su un cavo di acciaio. Per me è stata un’emozione unica che consiglio di fare assolutamente.

Quarto giorno – Sasso di Castalda, ponte alla Luna e Sant’Angelo le Fratte

Anche in questa giornata potrete vivere tra natura, cultura e adrenalina. Arrivati a Sasso di Castalda rimarrete senza parole nel girare in questo piccolo borgo dove vivono meno di 800 anime ma che oggi, grazie ad un attento restauro, e diventato un albergo diffuso di grande bellezza.

Ponte tibetano – Sasso di Castalda – Basilicata in 5 giorni

Attraversando il paesino si giunge al percorso che porta al famoso ponte alla Luna. Si tratta del ponte tibetano a campata libera più alto del mondo. Per prima cosa dovrete fare un ponte più piccolo lungo circa 100 metri e alto 34. Questo ponte è propedeutico all’attraversamento del ponte alla Luna infatti, se dopo averlo percorso non vi sentirete pronti ad affrontare il ponte maggiore, potrete tranquillamente rinunciare anche se non vi saranno restituiti i soldi del biglietto.

Per pranzo vi consiglio di spostarvi a Sant’Angelo le Fratte e andare al ristorante La Cantina. Qui potrete gustare i prodotti tipici lucani in un contesto molto carino ed informale e ad un ottimo rapporto qualità prezzo.

Nel pomeriggio non può mancare una visita al paese dove potrete vedere oltre 300 murales realizzati da artisti provenienti da tutto il mondo.

Quinto giorno – visita gastronomica e rientro a casa

Come ultimo giorno abbiamo visitato il salumificio Emmedue di Picerno. Si tratta di un salumificio storico della zona che è famosa per la produzione di salumi di maiale. I prodotti sono realizzati con carne fresca italiana e l’intero processo di produzione è seguito con attenzione e meticolosità dai proprietari. Se volete acquistare prodotti di alta qualità questo è certamente il posto che fa per voi.

salumificio Emmedue – Picerno – Basilicata in 5 giorni

Leggete anche gli altri nostri viaggi!

Seguiteci su Instagram!!

Seguiteci su Facebook!!

14 Responses

  1. Un bel viaggio on the road alla scoperta di una delle regioni più suggestive d’Italia! Non ci sono mai stata ma questo itinerario mi sembra davvero perfetto per assaporare lo spirito di questa parte d’Italia! Che dire delle esperienze? Il volo dell’angelo lo farei subito!

  2. Mi sono innamorata della Basilicata vedendo il film con Rocco Papaleo e Alessandro Gassman, l’hai visto? Ci sono dei panorami spettacolari! Però a parte Matera e Craco, non conosco molto questa regione, mi sa che devo rimediare!

  3. Neanche a farlo apposta, proprio lo scorso week end sono stata sul Pollino, tra Calabria e Basilicata. Ho scoperto un territorio fantastico e mi sono ripromessa di tornarci quanto prima.

  4. Pur avendo passato tantissime estati nella vicina Calabria, non ho mai avuto occasione di fermarmi sul territorio della Basilicata e vedo dal tuo racconto e dalle tue immagini che è stato un vero peccato non averne approfittato! Chissà se mi ricapiterà in futuro un’occasione per poter visitare questa bella regione!

Rispondi

instagram risparmi e viaggi      facebook risparmi e viaggi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: