Categories:

ll settore turistico ha vissuto una grossa crisi legata anche all’emergenza Covid-19. Le perdite economiche per molti sono state alte e questo ha spinto parecchie aziende a diminuire o azzerare i costi pubblicitari.

Il vantaggio di utilizzare una buona strategia di Influencer Marketing rivolgendosi ad un Travel Blogger o Travel Influencer può essere la giusta soluzione per abbattere i costi pubblicitari aumentando allo stesso tempo i clienti e la visibilità della vostra azienda.

Perché la vostra azienda dovrebbe collaborare con un Travel Blogger/Influencer

Sempre più persone navigano e comprano sul web. I dati del Digital Global Overview 2020 ci dicono che:

  • Il numero di persone nel mondo che utilizzano Internet è cresciuto fino a 4,54 miliardi, con un aumento del 7% (298 milioni di nuovi utenti) rispetto a gennaio 2019.
  • In tutto il mondo, ci sono 3,80 miliardi di utenti di social media nel gennaio 2020, con un aumento di oltre il 9% (321 milioni di nuovi utenti) rispetto a questo periodo dell’anno scorso.
  • A livello globale, più di 5,19 miliardi di persone utilizzano ora i telefoni cellulari, con un numero di utenti aumentato di 124 milioni (2,4%) nell’ultimo anno.

Ciascuno di noi passa in media ben 100 giorni all’anno su internet e molte ore sui social.

E’ dimostrato che l’utente e sempre più influenzato nella scelta della struttura ricettiva/ristorante  dalle foto, dai video e dalle recensioni più che dalla pubblicità tradizionale. Instagram è un enorme serbatoio di possibili clienti. Pensate che nel 2021 ha superato 1 miliardo di utenti attivi, e oltre 500 milioni di questi utilizzano la piattaforma ogni giorno.

L’influencer va dritto al punto e tramite i suoi canali social ed il suo blog porta i clienti a prenotare direttamente contattando l’hotel/ristorante e bypassando gli altri canali che comportano il pagamento di commissioni.

Un altro beneficio per cui si dovrebbe optare per l’ Influencer Martketing è legato alla capacità dell’Influencer di portare il cliente a scegliere determinati servizi o camere specifiche attivando delle strategie di convincimento ad esempio offendo dei codici sconto. Pensate che solo lo scorso anno le attività di upselling hanno registrato un aumento di guadagni del 18% grazie a queste strategie.

Vi chiedere ma come fa ad aumentare clienti e visibilità dell’azienda?

L’Influencer crea un rapporto diretto con i suoi Followers che, fidandosi di lui, sono più propensi a prenotare presso una struttura che consiglia. Sarà lui che con una campagna social mirata riuscirà a catturare la curiosità degli utenti ed a spingerli a scegliere l’hotel o il ristorante  che sta presentando.

Quanto costa una campagna pubblicitaria con un Travel Blogger/Influencer?

Eccoci alla cosa che forse interessa di più alla vostra azienda. Il Travel Blogger/ Travel Influencer costa sicuramente molto meno di una pubblicità tradizionale.

Il costo dipende da cosa l’azienda chiede all’Influencer:

  • Numero di post, stories e reel che deve creare sui canali social;
  • articoli sul Blog dedicati esclusivamente alla struttura con link diretto;
  • visita dell’Influencer alla struttura ricettiva o al ristorante.

Il prezzo naturalmente si lega anche alla popolarità dell’Influencer. E’ chiaro che se si sceglie un profilo come quello di Chiara Ferragni il compenso richiesto probabilmente non sarà sostenibile per un’azienda di piccole o medie dimensioni.

Se il Travel Blogger o Travel Influencer è interessato a venire nella vostra zona potrebbe chiedervi anche solo un rimborso spese e ospitalità.

Come si sceglie il giusto Influencer?

Per prima cosa ricordate che i numeri non sono tutto. L’importante è scegliere un Influencer in linea con gli obiettivi e il target della vostra azienda.

Non è essenziale il numero di Followers, la vostra scelta dovrà concentrarsi sulla qualità dei commenti che riceve, se agli stessi risponde, se pubblica stories quotidianamente e se i contenuti postati sui canali social o pubblicati sul Blog sembrano davvero utili ed efficaci.

Dovete prediligere una persona che ispiri fiducia e che sia credibile. Ad esempio è inutile prendere la ragazza giovane che cerca di attirare il pubblico facendosi fotografare in costume da bagno se i vostri clienti sono principalmente coppie, famiglie o persone che viaggiano per lavoro.

Contattateci senza impegno sicuramente metteremo a punto la giusta strategia per aiutare la vostra azienda a farsi conoscere!

12 Responses

  1. Quanta verità in questo articolo!
    Qui nella Liguria di ponente, dove vivo io, questa figura è ancora sconosciuta ai più!
    Nessuna struttura o azienda ricerca un social media manager, quando invece secondo me al mondo d’oggi è fondamentale!

  2. Sono entrata da poco nel mondo dell’Influencer Marketing, ma dalla parte dell’Influencer. All’inizio ero scettica, ma effettivamente quello che conta non sono i numeri, ma l’interesse dei follower per quello che scrivi e l’interazione che hai con loro. Prima di provare non avrei mai creduto di trovare dei partner con cui collaborare.

  3. Vero non sempre sono importanti i numeri ,anche perché spesso sono falsificati, ma sicuramente i contenuti e l’interazione con la propria community, effettivamente le potenzialità ci sono tutte, sia nel settore turistico che in altri ma c’è ancora una certa diffidenza verso queste figure.

  4. Ho collaborato con molto realtà locali da quando ho aperto il mio blog e posso solo dire di averci messo molta dedizione e tempo per creare ottimi contenuti per i miei lettori

    • Anch’io nelle mie collaborazione mi impegno moltissimo. Nel mio caso spesso la collaborazione non si è conclusa con la fine del contratto ma prosegue nel tempo anche senza un incentivo economico grazie al rapporto di amicizia che si è creato.

  5. Effettivamente questa figura è ancora molto ambigua. Da un lato viene ammirata ma dall’altro non si è ancora ben capito cosa sia. Non credo che dietro la diffidenza di molti ci sia solo invidia . Ma ignoranza si. E allora ben vengano i chiarimenti come il vostro .

  6. Hai proprio ragione: non contano solo i numeri. un influencer è in grado di creare un rapporto di fiducia con i propri followers che si fidano dei suoi consigli perchè ha identificato correttamente il target

  7. Sagge parole! Giunti ormai quasi alle soglie del 2022 sarebbe veramente ora che le aziende comprendano come vi siano figure in grado di raggiungere e imprimere un messaggio che non si riduca sempre ai soliti mezzi stantii e obsoleti.

Rispondi

Travel influencer
travel blogger ita
instagram risparmi e viaggi      facebook risparmi e viaggi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: